Info | Contatti | 5 MOTIVI PER ISCRIVERSI AL CReI
Mercoledi
18 Luglio
2018

Homepage Primo piano News dal CROI Congressi Terapia Interviste Varie Archivio
Artrite reumatoide, oggi i pazienti vivono più a lungo

 

18/5/2014

L'aspettativa di vita dei pazienti affetti da artrite reumatoide (AR) è aumentata notevolmente negli ultimi 25 anni. Lo ha detto Sam Norton, del King's College di Londra, durante i lavori del congresso annuale della British Society for Rheumatology, a Liverpool.

Secondo quanto riferito dal ricercatore, l'età media del decesso nelle persone affette dalla malattia in una coorte che aveva arruolato pazienti tra il 1986 e il 1998 era 76,7 anni (IC al 95% 75-78,1), mentre in una coorte che ha arruolato pazienti tra il 2002 e il 2012 l'età media del decesso è risultata di 86,7 anni (IC al 95% 84,1-89,5).

La differenza si traduce in una diminuzione del 3,5% dell’hazard ratio di mortalità annuale per qualsiasi causa tra il 1986 e il 2012.

Dal 1980 ad oggi c’è stato un aumento di almeno 5 anni dell’aspettativa di vita della popolazione generale, ma non era chiaro se ciò valesse anche per i malati di AR. Un recente rapporto del Norfolk Arthritis Register, ha detto Norton, ha suggerito che non vi era stato alcun cambiamento nei tassi di mortalità nel tempo in questi pazienti.

Per valutare la questione nella popolazione dei malati di AR del Regno Unito, il gruppo di Norton ha analizzato i dati dell’Early Rheumatoid Arthritis Study (ERAS, 1986-1998) e dell’Early Rheumatoid Arthritis Network (ERAN, 2002-2012).

Nessuno dei pazienti delle due coorti era già stato trattato con DMARD al momento dell'inserimento nei registri, ha riferito il ricercatore.

L’ERAS ha incluso quasi 1500 pazienti e nel corso di quasi 25.000 anni-paziente di follow-up ci sono stati 698 decessi, mentre nell’ERAN, che ha coinvolto 1252 pazienti, ci sono stati 124 morti durante 9000 anni-paziente di follow-up.

A momento dell'arruolamento, i pazienti erano sintomatici in media da 2 anni nell’ERAS e da 3 anni nell’ERAN, mentre l'età d’esordio era rispettivamente di 53 e 57 anni. In entrambe le coorti, due terzi dei pazienti erano di sesso femminile.

Il punteggio medio dell’attività della malattia al basale era pari a 5,01 nell’ERAS e 4,53 nell’ERAN. Una possibile spiegazione per l’attività di malattia leggermente inferiore nella coorte ERAN potrebbe risiedere nel maggior uso di steroidi da parte dei medici di medicina generale prima dell’invio al reumatologo, ha detto Norton.

L’autore ha riferito che in generale c’è stata una diminuzione del 27% dell’eccesso di mortalità dovuta a qualunque causa, osservata soprattutto nei pazienti al di sotto dei 55 anni.

Il rapporto standardizzato di mortalità (SMR) nell’ERAS è risultato pari a 1,29 (IC al 95% 1,20-1,39), un valore significativamente superiore rispetto alla popolazione generale, mentre non è stata osservata nessuna differenza significativa nell’ERAN (SMR 0,94, IC al 95% 0,78-1,13).

Tendenze simili sono state osservate per la mortalità dovuta a cause cardiovascolari, con un SMR pari a 1,96 (IC al 95% 1,64-2,39) nella coorte ERAS e a 1,11 (IC al 95% 0,75-1,46) nella coorte ERAN.

Un'altra differenza riscontrata riguarda il fatto che nel 1986 l'età media di insorgenza della malattia era 54,2 anni, mentre nel 2012 l'età di esordio è salita a 58,5 anni, con un aumento di circa 2 mesi di ogni anno (t = 2,9; P = 0,007).

Dati, dunque, molto positivi e incoraggianti per chi soffre di questa malattia. Norton, tuttavia, ha sottolineato anche l’importanza di riconoscere che se i pazienti vivono più a lungo, occorre porsi il problema della disabilità. "Un aumento di 10 anni dell'aspettativa di vita e un ritardo di 5 anni nell’insorgenza della malattia fanno pensare che, in media, i pazienti vivono 5 anni in più in condizioni di disabilità” ha avvertito il reumatologo.

S. Norton, et al. Excess mortality in rheumatoid arthritis: gains in life expectancy over 25 years. BSR 2014; abstract O34.


Invia ad un amico Stampa l'articolo
Iscriviti alla Newsletter
Registrati
Condividi
 
Interviste Prossimi Congressi I più letti del mese
Qual è l'attività dei centri ambulatoriali di reumatologia? il caso del Veneto
Come medici e pazienti con fibromialgia giudicano i farmaci
Congresso Cora 2015, novità dal faccia a faccia tra i due presidenti italiani
Nuove Linee Guida ACR su spondilite anchilosante e spondiloartrite assiale non-radiografica
Leggi
La febbre di origine sconosciuta nell'anziano: una prospettiva reumatologica
Leggi
L'EULAR si avvicina, ci stiamo preparando
Leggi
Diagnosi più precoce di AR con i nuovi criteri ACR/EULAR
Leggi
Archivio Archivio Archivio
Il Giornale del CROI
Testata Registrata al Tribunale di Milano
Direttore Editoriale: Dott. Stefano Stisi
Direttore Responsabile: Dr. Danilo Magliano
Editore: MedicalStar via San Gregorio, 12
20124 Milano - info@giornaledelcroi.it
P.Iva: 09529020019
È vietata la riproduzione anche parziale.
Home
Primo piano
News dal CROI
Congressi
Terapia
Interviste
Varie
Archivio
Newsletter
Condividi
Il sito web di CROI non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto