Info | Contatti | 5 MOTIVI PER ISCRIVERSI AL CReI
Lunedi
23 Aprile
2018

Homepage Primo piano News dal CROI Congressi Terapia Interviste Varie Archivio
Quando il Fenomeno di Raynaud rivela una malattia reumatica autoimmune

 

26/2/2016

Gli episodi di vasospasmo, cioè di restringimento dei vasi sanguigni a cui si associano cianosi, formicolio e dolore alle dita (soprattutto delle mani), derivanti dal cosiddetto Fenomeno di Raynaud, non vanno sottovalutati.

Per chi soffre di questo disturbo è consigliata l’esecuzione della capillaroscopia, un esame non invasivo, basato sull’analisi  morfologica dei capillari,  per il quale il Centro Specialistico Ortopedico Traumatologico Gaetano Pini- CTO è divenuto uno degli ospedali di riferimento in Europa e in Italia.

Il Pini-CTO  è stato incluso dall’Eular (the European league against rheumatism) nel Network Europeo di Imaging, che comprende una quindicina di centri in Europa e soltanto tre in Italia.
 
Il riconoscimento, ottenuto dalla Unità Operativa diretta dal professor Pier Luigi Meroni, Ordinario di Reumatologia dell’Università degli Studi di Milano e Direttore del Dipartimento di Reumatologia e Fisiatria dell’Istituto Pini-CTO,  certifica la qualità sia della tecnica utilizzata sia della ricerca condotta in questi anni all’interno dell’ospedale milanese.

La dottoressa Francesca Ingegnoli dell’Istituto Pini è referente e docente di questa tecnica di Imaging in corsi nazionali e internazionali. “La capillaroscopia – spiega la dottoressa Ingegnoli – è una metodica di indagine non invasiva che consente lo studio in vivo delle caratteristiche morfologiche e funzionali del microcircolo a livello della plica ungueale; ci permette di  definire se il Fenomeno di Raynaud sia soltanto un sintomo primario e non legato ad altre patologie, o se rappresenti la spia di una malattia reumatica autoimmune. In questi casi, infatti, è importante tenere il paziente monitorato nel tempo e, quando è necessario, intervenire con cure specifiche”.

“Questa attestazione riconosce la qualità del lavoro svolto, durante questi anni, dai medici del nostro ospedale nell’ambito della ricerca e all’interno dei gruppi europei – aggiunge il professor Meroni -. L’importanza di una diagnosi accurata e precoce, attraverso la capillaroscopia, ci permette di effettuare diagnosi sempre migliori e di trattare i sintomi di malattie di tipo autoimmune,  come la sclerodermia, quando i sintomi sono ancora in fase iniziale. Per questo è importante che ci sia sensibilità su questo tema e che i medici di base sappiano indirizzare i pazienti affetti da Fenomeno di Raynaud, spesso associato ad altre avvisaglie, a strutture che possono effettuare al meglio questo esame”. 
 

Invia ad un amico Stampa l'articolo
Iscriviti alla Newsletter
Registrati
Condividi
 
Interviste Prossimi Congressi I più letti del mese
Qual è l'attività dei centri ambulatoriali di reumatologia? il caso del Veneto
Come medici e pazienti con fibromialgia giudicano i farmaci
Congresso Cora 2015, novità dal faccia a faccia tra i due presidenti italiani
Percorsi di pratica clinica in reumatologia ospedaliera
Leggi
La febbre di origine sconosciuta nell'anziano: una prospettiva reumatologica
Leggi
Gotta, tante novità dal congresso EULAR
Leggi
Lupus eritematoso sistemico, belimumab ora disponibile anche in Italia
Leggi
Archivio Archivio Archivio
Il Giornale del CROI
Testata Registrata al Tribunale di Milano
Direttore Editoriale: Dott. Stefano Stisi
Direttore Responsabile: Dr. Danilo Magliano
Editore: MedicalStar via San Gregorio, 12
20124 Milano - info@giornaledelcroi.it
P.Iva: 09529020019
È vietata la riproduzione anche parziale.
Home
Primo piano
News dal CROI
Congressi
Terapia
Interviste
Varie
Archivio
Newsletter
Condividi
Il sito web di CROI non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto