Info | Contatti | 5 MOTIVI PER ISCRIVERSI AL CReI
Venerdi
22 Giugno
2018

Homepage Primo piano News dal CROI Congressi Terapia Interviste Varie Archivio
Funziona il progetto SIFO di antimicrobial stewardship: scorte ridotte e 'boom' di farmacovigilanza attiva

 

3/12/2016

La presenza di farmacisti ospedalieri esperti di infezioni in corsia non solo porta vantaggi organizzativi ma anche economici. La prova arriva dal progetto “Antimicrobial stewardship” di SIFO, la Società italiana dei farmacisti ospedalieri e dei servizi farmaceutici delle Aziende sanitarie, che si è svolto nel corso dell'ultimo anno.
Il progetto, lanciato lo scorso anno dal congresso di Catania, si è concretizzato nel 2016 e in queste ultime settimane sono arrivati i risultati. Oggi sono stati presentati al XXXVII Congresso nazionale SIFO in corso a Milano fino a domenica.

QUANTI FARMACISTI E DOVE - Il progetto ha coinvolto 12 farmacisti (sei borsisti e sei tutor) che dall'autunno scorso hanno trascorso 12 mesi di lavoro in sei centri ospedalieri: a Torino, Milano, Alto Vicentino di Thiene (Vicenza), Ferrara, Sassari e Acquaviva delle Fonti (Bari). Dopo aver svolto un corso di formazione, questi professionisti hanno lavorato come farmacisti di reparto e, in collaborazione con i medici, hanno monitorato l'andamento dei casi di infezioni verificatisi durante i ricoveri in ospedale, occupandosi in particolare di gestire l’impiego dei farmaci antifungini e antimicrobici, controllando la preparazione, la scelta delle terapie, l’appropriatezza e anche le scorte. Il tutto facendo riferimento alle linee guida dei singoli ospedali.

I RISULTATI - Complessivamente, i farmacisti coinvolti nel progetto (tra i tutor c'erano esperti SIFO ma anche di altre enti e microbiologi di rilievo) hanno esaminato 3.294 cartelle cliniche. Il loro lavoro ha fatto registrare, negli ospedali in cui hanno operato, un aumento medio del 42% nello switch dalla terapia antibiotica iniettabile a quella orale; un miglioramento del 5% nella correzione della posologia, una riduzione del 34% delle scorte di farmaci nell'armadio di reparto; un aumento del 4% delle segnalazioni di allergie e un aumento del 275% nella rilevazione delle reazioni avverse ai farmaci, quindi un vero e proprio 'boom' di quella che viene definita farmacovigilanza attiva. Si è registrato, infine, un miglioramento anche nella preparazione dei farmaci e antibiotici in reparto.

CONTRASTARE IL FENOMENO DELLE FARMACO-RESISTENZE - Il progetto non lascia dubbi sui benefici che la presenza di un farmacista esperto di infezioni presente in reparto può portare, sia dal punto di vista organizzativo che economico. Del resto, il progetto “Antimicrobial stewardship” è nato proprio con l'obiettivo di portare un risparmio dato da una miglior gestione organizzativa, oltre che di dare un contributo al contrasto della diffusione delle farmaco-resistenze, spesso conseguenza dell’utilizzo non appropriato di un antibiotico per la cura di un’infezione. Il fenomeno, che si sta diffondendo sempre più in Italia, è molto preoccupante dal punto di vista sanitario, sia in termini clinici che economici, ed è ormai al centro dell'attenzione e del confronto tra esperti a livello nazionale e internazionale. SIFO, inoltre, si prefiggeva anche di migliorare l’assistenza per i pazienti, offrendo loro la terapia migliore e più appropriata.

ARRIVA IL MANUALE FORMATIVO - “L’ottimizzazione dell’uso degli antibiotici ha il triplice obiettivo di migliorare il percorso assistenziale nei confronti del paziente e quindi anche l’esito del trattamento, garantire una terapia che risponda ai criteri di costo-efficacia, e ridurre gli effetti avversi dei farmaci stessi, oltre che prevenire l’insorgenza di resistenze indesiderate alle terapie antibiotiche”, afferma Piera Polidori, vicepresidente SIFO e responsabile del progetto. “I programmi ospedalieri di gestione degli antimicrobici, proprio come quello che abbiamo sperimentato in questa esperienza 'pilota', sono pertanto elementi necessari per l’attuazione di una politica degli antibiotici nelle strutture assistenziali” Ora, dal progetto, verranno realizzate una serie di schede formative, che insieme ai risultati confluiranno in un manuale formativo sulla tematica delle infezioni, in uscita all'inizio del 2017. La SIFO sostiene fortemente progetti volti al miglioramento costo-efficacia della gestione delle terapie grazie all’intervento del farmacista clinico/di dipartimento

Il progetto dedicato all'Antimicrobial stewardship di SIFO prendeva le mosse dal precedente progetto del ‘Farmacista di dipartimento’ in ambito oncologico, che cinque anni fa ha visto la Società dei farmacisti al lavoro, in collaborazione con il ministero della Salute, per promuovere la figura del farmacista di reparto esperto in oncologia.

Invia ad un amico Stampa l'articolo
Iscriviti alla Newsletter
Registrati
Condividi
 
Interviste Prossimi Congressi I pi¨ letti del mese
Qual Ŕ l'attivitÓ dei centri ambulatoriali di reumatologia? il caso del Veneto
Come medici e pazienti con fibromialgia giudicano i farmaci
Congresso Cora 2015, novitÓ dal faccia a faccia tra i due presidenti italiani
Taranto, percorsi diagnostici e terapeutici in reumatologia
Leggi
La febbre di origine sconosciuta nell'anziano: una prospettiva reumatologica
Leggi
Percorsi di pratica clinica in reumatologia ospedaliera
Leggi
Milnacipran efficace nella fibromialgia indipendentemente dalla depressione
Leggi
Archivio Archivio Archivio
Il Giornale del CROI
Testata Registrata al Tribunale di Milano
Direttore Editoriale: Dott. Stefano Stisi
Direttore Responsabile: Dr. Danilo Magliano
Editore: MedicalStar via San Gregorio, 12
20124 Milano - info@giornaledelcroi.it
P.Iva: 09529020019
╚ vietata la riproduzione anche parziale.
Home
Primo piano
News dal CROI
Congressi
Terapia
Interviste
Varie
Archivio
Newsletter
Condividi
Il sito web di CROI non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto