Info | Contatti | 5 MOTIVI PER ISCRIVERSI AL CReI
Mercoledi
18 Luglio
2018

Homepage Primo piano News dal CROI Congressi Terapia Interviste Varie Archivio
Real Life Rheumatologists fa tappa a Benevento

 

20/10/2014

Gli scorsi 16 e 17 ottobre, si è tenuto in Benevento la seconda edizione degli incontri Real Life Rheumatologists, dedicati alla formazione continua dei reumatologi ospedalieri e territoriali.

Il Real Life rappresenta il più recente tentativo di Corsi di pratica clinica in Reumatologia itineranti sul territorio italiano. In questa prima edizione 2014-15, il primo evento si è tenuto a Firenze lo scorso settembre con organizzazione locale del dottor Maurizio Benucci, il secondo, per l’appunto in Benevento, diretto dai dottori Stefano Stisi e Angelo Pucino. Le caratteristiche di questi corsi sono il taglio estremamente pratico, con messaggi di comportamento diagnostico-terapeutico di facile riproducibilità nella pratica clinica quotidiana e l’utilizzo effettivo di una metodica in ambito clinico.

Proprio con un mini-corso pratico sull’utilizzo degli ultrasuoni in diagnostica reumatologica, ha avuto inizio l’edizione beneventana del Corso di Real Life, tenuto dai dottori Persod e Venditti, i quali hanno saputo ben dimostrare concretamente, anche con esercitazione diagnostica ed infiltrativa su arti di bovino e di ovino, quali possano essere i grossi vantaggi del clinico nel saper utilizzare tale metodica. Nei limiti della metodica restano i prezzi ancora troppo elevati della strumentazione per una eventuale sua distribuzione diffusa tra i clinici, ed il fatto che sia poco parametrabile, in funzione della grossa variabilità che ancora esiste inter-osservatore.

La seguente sessione, con le letture di Muratore e Murgia, ha fatto il punto sulle attuali conoscenze del ruolo della vitamina D sia sulla componente ossea, che muscolare dell’apparto locomotore, non tralasciando le tante azioni di prevenzione del rischio cardiovascolare ed oncologico che sembrano caratterizzare gli elevati livelli serici di vitamina D.

In questo momento di grossa effervescenza terapeutica, dovuto all’immissione in commercio di nuovi farmaci, tanto sintetici, quanto biologici per la cura dell’artrite reumatoide, il RLR non poteva non tenerne conto in modo analitico. Pertanto la sessione sull’AR e le terapie possibili, ha ospitato le relazioni di Ferrucci, Cuomo, Orefice e A. Di Girolamo sugli aspetti pratici di un comportamento diagnostico-terapeutico più precoce possibile. Dalle domande numerosissime di questa sessione è più volte scaturita la necessità di adoperare un comune linguaggio tra i clinici e di una maggiore collaborazione tra ospedale e territorio, al fine di non perdere la più vantaggiosa finestra terapeutica per un precoce trattamento con farmaci di grossa efficacia.

La terza sessione ha parlato di uno temi maggiormente dolenti in tempi di spending review in Sanità, e cioè della gestione del budget in reumatologia trattando di come economizzare un centro prescrittore e di come costruire un business plain in Reumatologia. I temi sono stati magistralmente trattati dal dottor Benucci e dal dottor Quici e moderati dal dottor Berruti, direttore sanitario dell’azienda Rummo di Benevento.

La prima lettura del Real Life sannita è stata affidata al dottor Marsico che ha parlato dei difficili rapporti medico paziente e medico previdenziali in tema di certificazione in reumatologia. Una spontanea discussione ha dibattuto sulla mancanza della figura reumatologica nelle commissione di invalidità e sulle difficoltà che incontrano i nostri malati nel vedersi riconoscere i diritti sacrosanti. La quarta sessione ha ospitato i dottori De Cata e Bellissimo su una patologia che causa ancora troppo spesso ricoveri e mortalità, quale la Sclerosi sistemica e sulle nuove procedure diagnostiche e di trattamento precoce, mentre la quinta ed ultima sessione della prima giornata ha ospitato il LES ed i nuovi trattamenti possibili ed ha avuto il grosso vantaggio di poter ospitare quale relatrice la dott.ssa Scarpellini, reumatologa ed ematologa di Magenta che ha saputo orientare la discussione su aspetti molto pratici del trattamento del LES, quale quello della gravida, dell’interessamento renale e nel neonato e sull’utilizzo del nuovo anticorpo monoclonale anti-Blys.

Nella seconda giornata la sesta sessione su Spondilartriti, Psoriasi e malattie infiammatorie intestinali ha visto dermatologi, gastroenterologi e reumatologi a confronto su malattie apparentemente diverse ma con radici autoimmuni comuni e da poco cure farmacologiche con gli stessi farmaci. Il dermatologo Cusano (presidente ADOI), il gastroenterolo Nardone (cattedratico della Federico II° di Napoli) e il reumatologo Scarpa (cattedratico della Federico II° di Napoli), hanno suscitato una lunghissima discussione incentrata anche sulle possibilità di un allargamento della prescrittibilità di farmaci oggi così ben tollerati, come gli anti-TNF, anche in ambiente di specialistica ambulatoriale.

La seconda giornata ha ospitato anche quattro letture: la prima sulle red flags nella Sclerosi sistemica, tenuta dal professor Gabriele Valentini, titolare della cattedra di Reumatologia della SUN di Napoli, che ha ridisegnato la storia recente del percorso diagnostico della malattia ed ha saputo spiegare in modo veramente esaustivo le vie patogenetiche della Sclerodermia. La seconda lettura del dottor Antonio Brucato di Bergamo sulla fertilità, gravidanza e malattie reumatiche ha suscitato molto interesse per l’enormità di informazioni utili e veramente pratiche in un aspetto mai sufficientemente indagato. La settima sessione, cui hanno preso parte i dottori Gallo e Lauriti, ha intrattenuto i reumatologi sui problemi terapeutici inerenti le osteoporosi conclamate ed ha aperto uno spiraglio sulle future armi farmacologiche attese per il recente futuro.

Una lettura sui biosimilari pronti a debuttare in Italia, tenuta dal dottor Paoletti di Agnone, è stata seguita da un nutrito dibattito sui temi di farmaco-economia relativo alla prescrizione dei biologici e sulle possibili evoluzioni di un mercato ancora non pronto ad accoglierli. L’ottava sessione sul dolore cronico diffuso e la fibromialgia con relatori i dottori Stisi e Cassisi ha definito le differenze diagnostiche tra una condizione di dolore dappertutto ed una patologia che unisce ad esso altri caratteristici sintomia, la sindrome fibromialgica.

Infine una più che degna lettura finale della dottoressa Voltan, presidentessa dell’ANMaR, sulla reumatologia vista dai pazienti con ampia analisi dei servizi e dei disservizi del SSN nel settore, ha chiuso il corso.

In chiusura l’organizzatore locale, il dottor Stisi, ha rinviato i tanti intervenuti al prossimo anno, con altri temi sempre trattati con un taglio pratico, magari in una altra bella città sede dell’edizione 2015 per il Sud Italia.


Invia ad un amico Stampa l'articolo
Iscriviti alla Newsletter
Registrati
Condividi
 
Interviste Prossimi Congressi I più letti del mese
Qual è l'attività dei centri ambulatoriali di reumatologia? il caso del Veneto
Come medici e pazienti con fibromialgia giudicano i farmaci
Congresso Cora 2015, novità dal faccia a faccia tra i due presidenti italiani
Nuove Linee Guida ACR su spondilite anchilosante e spondiloartrite assiale non-radiografica
Leggi
La febbre di origine sconosciuta nell'anziano: una prospettiva reumatologica
Leggi
L'EULAR si avvicina, ci stiamo preparando
Leggi
Diagnosi più precoce di AR con i nuovi criteri ACR/EULAR
Leggi
Archivio Archivio Archivio
Il Giornale del CROI
Testata Registrata al Tribunale di Milano
Direttore Editoriale: Dott. Stefano Stisi
Direttore Responsabile: Dr. Danilo Magliano
Editore: MedicalStar via San Gregorio, 12
20124 Milano - info@giornaledelcroi.it
P.Iva: 09529020019
È vietata la riproduzione anche parziale.
Home
Primo piano
News dal CROI
Congressi
Terapia
Interviste
Varie
Archivio
Newsletter
Condividi
Il sito web di CROI non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto