Info | Contatti | 5 MOTIVI PER ISCRIVERSI AL CReI
Martedi
24 Aprile
2018

Homepage Primo piano News dal CROI Congressi Terapia Interviste Varie Archivio
Naproxene, il miglior FANS per i cardiopatici

16/6/2009

Sul numero di maggio di "Circulation: Cardiovascular Quality and Outcomes" è stato pubblicato  uno dei più ampi studi finora condotti per valutare la sicurezza dei farmaci antinfiammatori, specialmente per i pazienti cardiopatici.
Lo studio, condotto dal gruppo del Prof. Wayne Ray della Vanderbilt University School of Medicine, ha evidenziato che naproxene ha un miglior profilo di sicurezza cardiovascolare rispetto a diclofenac, ibuprofen, e alte dosi di rofecoxib  e celecoxib. Quello pubblicato su Circulation è uno studio retrospettivo di coorte che ha esaminato la sicurezza cardiovascolare di vari farmaci antiinfiammatori in 48.566 pazienti ospedalizzati per IMA, rivascolarizzazione o angina instabile.

I dati, che si riferiscono al periodo 1999-2004, provenivano da tre ampi database :  il programma Medicaid del Tennessee, il database canadese di Saskatchewan e il britannico General Practice Research Database.
I farmaci somministrati ai pazienti prima del ricovero ospedaliero provenivano dalle farmacie e dai database dei medici di famiglia. L'end point primario dello studio era la grave malattia cardiaca costituita da infarto acuto del miocardio e morte per insufficienza cardiaca.

I risultati hanno evidenziato che naproxene tra quelli studiati è il farmaco antiinfiammatorio con miglior sicurezza cardiovascolare. Il rischio relativo di malattia cardiovascolare (IMA, stroke o morte per ogni causa) è risultato così distribuito: Naproxene (0,88), Ibuprofene (1,18), Doclofenac (1,27), Celecoxib (1,03), Rofecoxib (1,19).
Altri risultati dello studio hanno evidenziato che diclofenac rispetto a chi assumeva naproxene determina un aumento del 44% del rischio di grave malattia cardiaca e del 52% del rischio di IMA, stroke o morte per ogni causa.
Il rischio è stato evidenziato sia con  dosi ridotte o moderate di diclofenac (< 150 mg/die) e anche per dosi superiori.

Dovremo attendere almeno  fino al 2011 per conoscere i risultati dello studio PRECISON che sta valutando la sicurezza di celecoxib, naproxene e ibuprofen in pazienti a moderato rischio cardiovascolare e che probabilmente fornirà risposte definitive su questo argomento.
Lavoro pubblicato su Circulation: Cardiovascular Quality and Outcomes

Invia ad un amico Stampa l'articolo
Iscriviti alla Newsletter
Registrati
Condividi
 
Interviste Prossimi Congressi I più letti del mese
Qual è l'attività dei centri ambulatoriali di reumatologia? il caso del Veneto
Come medici e pazienti con fibromialgia giudicano i farmaci
Congresso Cora 2015, novità dal faccia a faccia tra i due presidenti italiani
Percorsi di pratica clinica in reumatologia ospedaliera
Leggi
La febbre di origine sconosciuta nell'anziano: una prospettiva reumatologica
Leggi
Gotta, tante novità dal congresso EULAR
Leggi
Lupus eritematoso sistemico, belimumab ora disponibile anche in Italia
Leggi
Archivio Archivio Archivio
Il Giornale del CROI
Testata Registrata al Tribunale di Milano
Direttore Editoriale: Dott. Stefano Stisi
Direttore Responsabile: Dr. Danilo Magliano
Editore: MedicalStar via San Gregorio, 12
20124 Milano - info@giornaledelcroi.it
P.Iva: 09529020019
È vietata la riproduzione anche parziale.
Home
Primo piano
News dal CROI
Congressi
Terapia
Interviste
Varie
Archivio
Newsletter
Condividi
Il sito web di CROI non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto