Info | Contatti | 5 MOTIVI PER ISCRIVERSI AL CReI
Sabato
20 Ottobre
2018

Homepage Primo piano News dal CROI Congressi Terapia Interviste Varie Archivio
Gotta, bene in fase III lesinurad in aggiunta ai farmaci standard

 

26/8/2014

Lesinurad, un inibitore selettivo del riassorbimento dell’acido urico che blocca il trasportatore dell'acido urico URAT1, ha permesso di aumentare notevolmente il numero di pazienti che raggiungono i valori target di uricemia, in combinazione con uno dei due trattamenti standard per la gotta - allopurinolo o febuxostat - in due studi di fase III, denominati CRYSTAL e CLEAR. A darne l’annuncio è AstraZeneca in un comunicato stampa.

i risultati di fase III, si legge nella nota, indicano che il farmaco offre un'altra opzione ai pazienti gottosi che non riescono a raggiungere gli obiettivi terapeutici di uricemia con dosi ottimali di allopurinolo o febuxostat.

AstraZeneca riferisce, inoltre, di voler presentare i dati dei due trial in uno dei congressi di settore entro la fine dell'anno.

I partecipanti sono stati trattati con lesinurad 200 mg/die o 400 mg/die in combinazione con almeno 300 mg di allopurinolo al giorno (o almeno 200 mg per i pazienti con insufficienza renale) nello studio CLEAR o con febuxostat 80 mg/die nello studio CRYSTAL.

Con una sola eccezione (la dose più bassa, in combinazione con febuxostat), tutte i dosaggi testati di lesinurad hanno permesso di aumentare in modo significativo (P <0,0001) la percentuale di pazienti che hanno raggiunto i target di acido urico sierico in 6 mesi rispetto alla monoterapia con il farmaco più vecchio.

Questo permetterà di risolvere il problema che oltre la metà dei pazienti gottosi non raggiungono gli obiettivi terapeutici? Non c'è dubbio che il bisogno insoddisfatto è "enorme", ma non è chiaro quanto la colpa sia della scarsa compliance o di un dosaggio subottimale dei farmaci esistenti, ha commentato Theodore R. Campi, professore di Medicina Clinica del Weill Cornell Medical College di New York.

Tuttavia, l’esperto ha previsto che, qualora il farmaco dovesse essere approvato, i reumatologi "potrebbero prenderlo in considerazione" per i pazienti che non riescono a raggiungere i target di uricemia nonostante i loro sforzi.

Un aspetto che merita di essere considerato, ha aggiunto Fields, è che in alcuni pazienti trattati con lesinurad 400 mg si sono sviluppati calcoli renali. Sarà di grande interesse, ha aggiunto, vedere come gli autori abbiano valutato il rischio di calcoli renali dei partecipanti prima di iniziare il trattamento con il farmaco.

Invia ad un amico Stampa l'articolo
Iscriviti alla Newsletter
Registrati
Condividi
 
Interviste Prossimi Congressi I più letti del mese
Qual è l'attività dei centri ambulatoriali di reumatologia? il caso del Veneto
Come medici e pazienti con fibromialgia giudicano i farmaci
Congresso Cora 2015, novità dal faccia a faccia tra i due presidenti italiani
Biosimilare di Enbrel, Fda esamina la domanda di Sandoz
Leggi
La febbre di origine sconosciuta nell'anziano: una prospettiva reumatologica
Leggi
Spondilite anchilosante, conferme per secukinumab da due studi sul NEJM
Leggi
Il nuovo inibitore di JAK, efficace nell'AR da solo e con MTX
Leggi
Archivio Archivio Archivio
Il Giornale del CROI
Testata Registrata al Tribunale di Milano
Direttore Editoriale: Dott. Stefano Stisi
Direttore Responsabile: Dr. Danilo Magliano
Editore: MedicalStar via San Gregorio, 12
20124 Milano - info@giornaledelcroi.it
P.Iva: 09529020019
È vietata la riproduzione anche parziale.
Home
Primo piano
News dal CROI
Congressi
Terapia
Interviste
Varie
Archivio
Newsletter
Condividi
Il sito web di CROI non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto