Info | Contatti | 5 MOTIVI PER ISCRIVERSI AL CReI
Mercoledi
23 Maggio
2018

Homepage Primo piano News dal CROI Congressi Terapia Interviste Varie Archivio
Artrite reumatoide, anti TNF riducono rischio di insufficienza cardiaca congestizia

 

19/11/2014

I pazienti con artrite reumatoide trattati con farmaci anti TNF mostrano una riduzione del rischio di sviluppare insufficienza cardiaca congestizia rispetto ai soggetti trattati con farmaci DMARD. E’ quanto emerso da uno studio condotto da Alper van Sijl e colleghi dell’ANIOS Interne Geneeskunde di Diakonessenhuis in Utrecht, Paesi Bassi, che è stato presentato in occasione del Congresso annuale dell’American College of Rheumatology.

Lo studio ha incluso tutti i pazienti registrati nel The British Society for Rheumatology Biologics Register (BSRBR) tra il 2001 e il 2013, una coorte prospettica di pazienti trattati con farmaci biologici per l’artrite reumatoide.

L’analisi ha valutato 3.662 pazienti con artrite reumatoide trattati con DMARD (età media pari a 60 anni) e 12.397 pazienti trattati con farmaci biologici anti TNF (età media 56 anni), con 18.698 e 62.244 anni-persona di follow-up, rispettivamente.

Lo studio ha escluso tutti i pazienti con insufficienza cardiaca congestizia secondaria a una aritmia, a una malattia valvolare o ad altre cause di insufficienza cardiaca.
Dopo un follow up di 5 anni per paziente sono stati osservati 48 casi di insufficienza cardiaca congestizia nel gruppo di soggetti trattati con farmaci DMARD e 39 eventi nel gruppo trattato con farmaci biologici anti TNF, per un incidenza di 25,5 su 10mila persone/anno e 6,3 su 10mila persone/anno, rispettivamente.
“L’HR di sviluppare insufficienza cardiaca congestizia era pari a 0,25 in pazienti trattati con anti TNF e analizzando solo i pazienti che non avevano presentato precedentemente una cardiopatia ischemica, l’HR era pari a 0,30. Entrambi i risultati erano statisticamente significativi”, spiegano gli autori.
L’aggiustamento dei risultati è stato effettuato per i fattori di rischio cardiovascolare, fattori specifici di artrite reumatoide e l’uso di farmaci.

“In generale, concludono i ricercatori, nel nostro studio è stata osservata una riduzione del rischio di sviluppare una insufficienza cardiaca congestizia nei pazienti con artrite reumatoide trattati con farmaci biologici anti TNF rispetto ai soggetti trattati con farmaci DMARD e questi risultati sembrano persistere nei pazienti senza cardiopatia ischemica”.

van Sijl A, et al "Incidence of congestive heart failure in subjects with rheumatoid arthritis receiving anti-tumour necrosis factor drugs: Results from the British Society for Rheumatology Biologics Register for Rheumatoid Arthritis" ACR 2014; Abstract 1909


Invia ad un amico Stampa l'articolo
Iscriviti alla Newsletter
Registrati
Condividi
 
Interviste Prossimi Congressi I più letti del mese
Qual è l'attività dei centri ambulatoriali di reumatologia? il caso del Veneto
Come medici e pazienti con fibromialgia giudicano i farmaci
Congresso Cora 2015, novità dal faccia a faccia tra i due presidenti italiani
Monoterapia in AR più diffusa di quanto si pensi, ma solo tocilizumab è efficace anche così
Leggi
La febbre di origine sconosciuta nell'anziano: una prospettiva reumatologica
Leggi
Denosumab, nuove prospettive di cura per l'osteoporosi
Leggi
Taranto, percorsi diagnostici e terapeutici in reumatologia
Leggi
Archivio Archivio Archivio
Il Giornale del CROI
Testata Registrata al Tribunale di Milano
Direttore Editoriale: Dott. Stefano Stisi
Direttore Responsabile: Dr. Danilo Magliano
Editore: MedicalStar via San Gregorio, 12
20124 Milano - info@giornaledelcroi.it
P.Iva: 09529020019
È vietata la riproduzione anche parziale.
Home
Primo piano
News dal CROI
Congressi
Terapia
Interviste
Varie
Archivio
Newsletter
Condividi
Il sito web di CROI non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto