Info | Contatti | 5 MOTIVI PER ISCRIVERSI AL CReI
Sabato
15 Dicembre
2018

Homepage Primo piano News dal CROI Congressi Terapia Interviste Varie Archivio
Artrite psoriasica, apremilast efficace fino a 52 settimane

 

19/11/2014

In uno studio appena presentato al Congresso annuale dell’American College of Rheumatology/Association of Rheumatology Health Professionals, il trattamento con apremilast ha migliorato significativamente la funzione fisica dei pazienti con artrite psoriasica nella forma attiva, naive alla terapia con farmaci DMARD.

Nella loro ricerca, gli esperti hanno analizzato i risultati di quattro studi multicentrici, in doppio cieco denominati PALACE (Psoriatic Arthritis Long-term Assessment of Clinical Efficacy). Lo studio PALACE 4 ha arruolato pazienti con artrite psoriasica nella forma attiva non trattati precedentemente con farmaci DMARD.

I partecipanti sono stati randomizzati a ricevere placebo, apremilast 20 mg o apremilast 30 mg somministrati due volte al giorno per un periodo di 24 settimane. I pazienti trattati con placebo che non avevano mostrato un miglioramento di almeno il 20% alla settimana 16 sono stati rirandomizzati a 20 o 30 mg di apremilast mentre quelli già trattati con il farmaco hanno proseguito la terapia con la stessa dose. A 24 settimane tutti i pazienti che ancora erano trattati con placebo sono stati rirandomizzati a ricevere una delle due dosi del farmaco fino alla settimana 52.
L’endpoint principale dello studio era il miglioramento di almeno il 20% dell’ACR20 a 16 settimane. Gli endpoint secondari includevano la valutazione della funzione fisica misurata attraverso l’Health Assessment Questionnaire-Disability Index (HAQ-DI) e altre scale di valutazione, il miglioramento dei segni e dei sintomi della malattia e gli outcome riportati dai pazienti. Lo studio ha determinato la proporzione di partecipanti inizialmente randomizzati al trattamento con una delle due dosi di apremilast che superavano la soglia minima di miglioramento clinicamente importante a 52 settimane.

 L’endpoint principale dello studio è stato raggiunto. Il cambiamento del HAQ-DI rispetto al basale, a 16 settimane, era di 0,03 per il placebo, -0,17 con apremilast 20 mg (1,12 al basale) e -0,21 per apremilast 30 mg (1,09 al basale). Nei pazienti trattati con apremilast per tutte le 52 settimane, il miglioramento del HAQ-DI è stato mantenuto per tutto il periodo analizzato. Il cambiamento medio di tale valore a 52 settimane era di -0,32 con apremilast 20 mg, e -0,39 con apremilast 30 mg. Cambiamenti clinicamente importanti nel HAQ-DI erano evidenti nel 56,8% e nel 59,0% dei pazienti trattati rispettivamente con la dose da 20 e 30 mg del farmaco.

Nello studio non sono emersi nuovi dati di safety rispetto agli studi PALACE precedenti. Gli eventi avversi più frequenti nel nuovo studio erano nausea (12,6%), diarrea (9,4%) ed emicrania (6,0%).

apremilast è un inibitore selettivo e attivo per via orale della fosfodiesterasi 4 (PDE4). A fine settembre, la Food and Drug Administration lo ha approvato per il trattamento dei pazienti con psoriasi a placche moderata o grave per i quali la fototerapia o la terapia sistemica non sono appropriate. La European Medicines Agency, ai quali Celgene aveva presentato domanda di via libera lo scorso anno, non si è, invece, ancora espressa.

A Phase 3, Randomized, Controlled Trial of Apremilast, an Oral Phosphodiesterase 4 Inhibitor, for Treatment of Psoriatic Arthritis: Long-Term (52-Week) Improvements in Physical Function. Abstract 602

Invia ad un amico Stampa l'articolo
Iscriviti alla Newsletter
Registrati
Condividi
 
Interviste Prossimi Congressi I più letti del mese
Qual è l'attività dei centri ambulatoriali di reumatologia? il caso del Veneto
Come medici e pazienti con fibromialgia giudicano i farmaci
Congresso Cora 2015, novità dal faccia a faccia tra i due presidenti italiani
Approvazione europea per il primo biosimilare di Enbrel
Leggi
La febbre di origine sconosciuta nell'anziano: una prospettiva reumatologica
Leggi
Nuovo test predice successo terapia adalimumab in pazienti affetti da Artrite ruematoide
Leggi
Il disegno come terapia: colori e sfumature della malattia secondo i giovanissimi pazienti reumatici
Leggi
Archivio Archivio Archivio
Il Giornale del CROI
Testata Registrata al Tribunale di Milano
Direttore Editoriale: Dott. Stefano Stisi
Direttore Responsabile: Dr. Danilo Magliano
Editore: MedicalStar via San Gregorio, 12
20124 Milano - info@giornaledelcroi.it
P.Iva: 09529020019
È vietata la riproduzione anche parziale.
Home
Primo piano
News dal CROI
Congressi
Terapia
Interviste
Varie
Archivio
Newsletter
Condividi
Il sito web di CROI non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto