Info | Contatti | 5 MOTIVI PER ISCRIVERSI AL CReI
Lunedi
12 Novembre
2018

Homepage Primo piano News dal CROI Congressi Terapia Interviste Varie Archivio
Osteoporosi in pazienti con sclerosi sistemica, rischio è più elevato soprattutto nel sesso femminile

 

21/7/2015

Il rischio di frattura da osteoporosi (OP) è innalzato in pazienti affetti da sclerosi sistemica (Ssc), soprattutto nei soggetti di sesso femminile.

Questa la conclusione principale di uno studio caso-controllo condotto a Taiwan e pubblicato sulla rivista Annals of the Rheumatic Diseases che, suffragando studi precedenti di cui abbiamo recentemente reso conto (2), identifica, tra gli altri, nell'età avanzata e nell'appartenenza al sesso femminile, due fattori indipendenti associati all'innalzamento del rischio di frattura da OP osservato in questi pazienti.

Nello studio in questione, i ricercatori hanno analizzato i dati provenienti dal Taiwan National Health Insurance program, che include la quasi totalità degli assistiti di Taiwan, e quelli relativi ad un database abbinato, contenente informazioni su tutte le diagnosi condotte in pazienti ospedalizzati e non ospedalizzati.
In questo modo, i ricercatori sono stati in grado di incrociare i dati relativi a 1.712 pazienti adulti affetti da Ssc nel periodo 2000-2006 con quelli relativi a 10.272 controlli. La popolazione reclutata nello studio caso-controllo aveva un'età media di 50,3 anni ed era costituita in maggioranza da donne (77,8% sul totale). Il follow-up mediano è durato 5,2 anni nei pazienti e 7 anni nei controlli.

L'endpoint primario dello studio era rappresentato dalla prima manifestazione di frattura da OP.
I risultati hanno documentato, sul totale dei pazienti considerati, 54 casi di frattura vertebrale, 17 di frattura all'anca e 7 casi di frattura del radio (IR=6,99, 2,18 e 0,90 per 1.000 persone/anno, rispettivamente).

I pazienti con Ssc che erano andati incontro ad OP erano più giovani dei controlli (66,8 vs 69,7 anni, p=0,049), soprattutto quelli con frattura all'anca (67,2 vs 75,2 anni, p=0,005).
Non solo: la mortalità ad un anno è risultata più elevata nei pazienti con Ssc a seguito della frattura rispetto ai controlli (12,3% vs 4,5%. p=0,023).

Rispetto ai controlli, i pazienti con Ssc hanno mostrato un rapporto di tassi di incidenza (IRR) pari a 1,69 indipendentemente dal tipo di frattura osteoporotica (IC95%= 1,30-2,18, P<0,001). Nel sesso femminile, inoltre, l'IRR è stato anche più elevato (IRR=1,74; IC95%=1,32-2,27, p<0,001).
Analizzando i dati in base al tipo di frattura l'IRR per i pazienti è stato pari a 1,78 (IC95%= 1,30-2,39, P<0,001) per le fratture vertebrali e di 1,89 per quelle all'anca (IC95%=1,05-3,22, P=0,026).

Nelle pazienti donne, invece, i valori di IRR sono stati pari a 1,76 per le fratture vertebrali (IC95%= 1,27-2,41, P<0,001) e di 2,30 per quelle all'anca (IC95%= 1,26-3-98, p=0,005).
Il rischio fratturativo nel sesso femminile si è mantenuto elevato anche nelle donne al di sotto dei 50 anni (presumibilmente in pre-menopausa): l'IRR è stato pari, infatti, a 3,43 indipendentemente dal tipo di frattura (IC95%=1,65-6,75, P<0,001) e a 3,27 per le fratture vertebrali (IC95%= 1,24-7,74, P=0,011).

I risultati dell'analisi univariata hanno individuato nell'appartenenza al sesso femminile, nell'età avanzata, nella presenza di comorbidità quali diabete ed insufficienza cardiaca, nell'impiego di PPI e nel ricorso a metoclopramide endovena o a prednisolone orale a dosaggi >7,5 mg/die i fattori associati al rischio di frattura da OP.
Nell'analisi multivariata, i fattori che sono rimasti associati in modo indipendente al rischio di frattura sono stati l'età, l'appartenenza al sesso femminile, il ricorso a metoclopramide endovena o a dosi giornaliere di prednisolone >7,5 mg.

Nel commentare i risultati, gli autori dello studio sottolineano come “...i medici che hanno in cura pazienti con Ssc dovrebbero tener presente l'innalzamento del rischio di frattura da OP, soprattutto se di fronte a pazienti di sesso femminile, con alterazioni della motilità intestinale e in cura con dosi elevate di steroidi”.

Tali pazienti, secondo l'opinione degli autori dello studio, dovrebbero essere sottoposti a valutazione del rischio di OP e a strategie preventive.
“Inoltre – continuano gli autori – suggeriamo un maggior impegno dei medici nel gestire le alterazioni della motilità intestinale e lo status nutrizionale dei pazienti affetti da Ssc, nel limitare l'impiego di steroidi e nel ridurre il rischio di caduta in questi pazienti.”

Tra i limiti metodologici dello studio da tener presenti vi è innanzitutto, la mancanza di informazioni nel database utilizzato dai ricercatori su alcuni fattori di potenziale importanza quali lo status relativo alla menopausa, la DMO e la severità delle contratture articolari.
In secondo luogo, va tenuto presente che lo studio ha incluso essenzialmente pazienti asiatici e che, quindi, la generalizzabilità dei risultati non è ancora certa.
 
Nicola Casella

Bibliografia
1.    Lai C-C, et al "Increased risk of osteoporotic fractures in patients with systemic sclerosis: a nationwide population-based study" Ann Rheum Dis 2015; 74: 1347-1352.
Leggi

2.     leggi

Invia ad un amico Stampa l'articolo
Iscriviti alla Newsletter
Registrati
Condividi
 
Interviste Prossimi Congressi I più letti del mese
Qual è l'attività dei centri ambulatoriali di reumatologia? il caso del Veneto
Come medici e pazienti con fibromialgia giudicano i farmaci
Congresso Cora 2015, novità dal faccia a faccia tra i due presidenti italiani
La febbre di origine sconosciuta nell'anziano: una prospettiva reumatologica
Leggi
Gotta, tante novità dal congresso EULAR
Leggi
Al via Gruppo di studio sulla Sindrome di Sjögren
Leggi
Addio professor Tirri
Leggi
Archivio Archivio Archivio
Il Giornale del CROI
Testata Registrata al Tribunale di Milano
Direttore Editoriale: Dott. Stefano Stisi
Direttore Responsabile: Dr. Danilo Magliano
Editore: MedicalStar via San Gregorio, 12
20124 Milano - info@giornaledelcroi.it
P.Iva: 09529020019
È vietata la riproduzione anche parziale.
Home
Primo piano
News dal CROI
Congressi
Terapia
Interviste
Varie
Archivio
Newsletter
Condividi
Il sito web di CROI non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto